Lirischer Wille

Lyrischer Wille ist ein vielsprachiges literarisches Übersetzungsprojekt.
Es wird konzipiert und koordiniert von Matthias Vieider und Arno Dejaco
und unterstützt von der Südtiroler Autorinnen- und Autorenvereinigung.

Lyrischer Wille - Folio Verlag Wien



16.11.2018 | 20:00
LYRIC WILL # 2
con: Gentiana Minga, Laura Mautone, 
Anne Marie Pircher, Claus Soraperra, Joerg Zemmler
Traube, Ortisei / Ortisei / Urtijëi (IT)





Claus Soraperra's Performance "Identità-Guerra-Passato"




Tu poesia

(sona mie fonin)
...ades te me cherdes
... d'improvisa
zenza me lascer fià.

tu poesia
tu liedeza
tu amor zenza pesc
de chesta perjon
stricoleda ite apede me
y desidreda descheche la nuet.

La joentù la no lascia temp
l'amor l no verda l'ora
la perjon la te limiteia
anter sieves anter fil da spins
L dolor bat apede cher
nia no più da coscrit
con recort legrezin
al temp che me conzeit
la mort me librarà.





In reverenza poeticala a la poesis Dort de Anne Marie Pircher
Gries ai 27 de nuvember del 2018

Ulache alò a dort

Tardivamonter tl somech chiere
l luesc plù dalenc
chi sies, da fundament
als farbe, ti culoures dla scurenta.

Conter su nia posse
ulache alò dolor arloéa
descheche scialdi l fus
vor der anderen, ngatiea n nomescel.

L’è sacotanta pedies da dombrer
da regoer apede nos
declaran sui pré seé
ist ungewiss, olache se sbraciolaron.




La volontà regge il mondo

È sufficiente guardarsi un po’ intorno per rendersi conto di quanto appaia difficile rapportarsi alla diversità, quali problemi generi l’entrare in contatto con l’alterità e come al suo cospetto vengano istituiti dei monoliti grotteschi, all’ombra dei quali le si abbaia contro, con timore, amarezza e a volte cattiveria.

Anche le società che si vantano esteriormente della propria varietà culturale sono intrise della follia di una pretesa omogeneità, artificiosa, e di rifiuto del cambiamento. Non escono dal circolo vizioso della propria chiusura, non c’è abbraccio che sappia uscirne. Che ciò sia dovuto più a un’incapacità che a una non-volontà?

Noi abbiamo interrogato la letteratura, e più precisamente la poesia, sulle prospettive che essa può aprire. Sugli spazi e le opportunità che può offrire per superare le barriere e permetterci di ritrovarci davvero insieme, tra pari.

Del resto, in quale altra dimensione si manifestano con altrettanta chiarezza, sotto forma di bellezza, la singolarità e l’unicità di ogni lingua e di ogni esistenza? Dimostrando così che tra due lingue diverse l’incomprensione reciproca è solo presunta e che la comprensione fra due lingue uguali è molto relativa? Che è tutto un tradurre, un trasportare, un trans-ducere.


Lyrischer Wille vuole cogliere lo spazio sudtirolese come luogo del plurilinguismo e della diversità, mostrare come le diverse lingue stiano insieme e siano intrecciate l’una nell’altra, alludere per via letteraria al potenziale che tale intreccio rappresenta per la convivenza sociale. Ed è ovviamente un modo di interrogarsi su come la letteratura possa esprimersi quando si muove su un campo non attraversato da confini linguistici.

Matthias Vieider & Arno Dejaco

Il Trentino 13.02.2018

Il nostro carnevale alpino che cerca di resistere 

Soraperra: «I giovani riscoprono il gusto delle maschere tradizionali di Ladini,  Mocheni, Val di Fiemme: battaglia d’identità contro lo svuotamento del turismo»
di Paolo Mantovan

Ombre dell'inverno





Teatro Comunale di Carpi (Mo), al tour con Manuel Riz " Ombre dell'inverno" di Vinicio Capossela
Ottobre 2017









MATER TIROLENSIS - Mit meinen Freunden













Neue Südtiroler Tageszeitung













MATER TIROLENSIS - Vernissage














(Photos by Kunstforum and Jacopo Bernard)










MATER TIROLENSIS - Exhibition

















La Usc di Ladins 27.10.2017




Te mostra Mater Tirolensis Claus Soraperra rejona de valores e partegnuda. La mostra resta fora enscin ai 4 de november.




En sabeda ai 21 de otober al Kunstforum Unterland de Egna, na galarìa d’èrt ativa con sie mostres a l’an e pont de referiment per duta la Val de l’Adesc, l’é stat la prejentazion de la neva mostra de Claus Soraperra.

Ponta via dal tritich de eles, la beza, la sposa e la veia, Soraperra l’à volù sobito sotrissèr l segnificat de sia operes e del percors artistich fat aposta per Egna. L’à dit che l’à lurà su la femena e sui cheres desche simboi de l’identità del Sudtirol. L titol l’é Mater Tirolensis, per latin e no per ladin, talian, todesch o ingleis; latin lengaz de la Gejia e donca de la religion, chela religion che l’é per Soraperra un di elements più emportanc de l’identità sudtiroleisa. L Sudtirol belimpont vedù no demò desche na realtà teritorièla, ma ence na tera rica di valores catolics. Segur mìngol desche chela ladina.

Tel prum chèder, chel de la beza, Soraperra l’à dit che con chela fegura l’à volù depenjer la neva generazions; tel secondo chèder l’é na femena-sposa simbol del prum passage de la femena envers l percors per doventèr mère e dapò femenes con na identità “più da grignèr”: na femena con la lenga de fora e che sà più lengac, n’outa n saer tipich del Sudtirol, ades simbol de na femena/persona globalisèda; na femena con la maia de la nazionèla talièna, na sportiva che cogn conviver con chest sentiment anter identità sudtiroleisa e identità nazionèla; na femena con n “cucù” al post del cef simbol de na ejagerazion e na perduda totala de identità per colpa de n turism de massa che à ciapà ite noscia vites e ne à fat desmentièr de tegnir sù noscia reijes.

Te la sala di cheres enveze l Sacrò Cher de Gejù, protetor del Sudtirol aldò de n pat consacrazion, anchecondì l doventa più n simbol universèl de vardian de zeche de emportant, ma no più tant leà a sie segnificat religious. “L cher che aon ti portachieves – disc Soraperra – l’é segur n simbol de amor, ma no l conscidraron mai descheche aessa fat noscia giaves”.

De più su La Usc di Ladins de vender ai 27 de otober.

 (vr)












La Usc di Ladins 20.10.2017




Con Mater Tirolensis l’artist contemporan da Grìes de Cianacei va inant te sia riflescion su l’identità. L’inaudazion de la mostra la é en sabeda ai 21 da les 20 a Egna.






L viac su l’identità che Claus Soraperra l’é dò a fèr con sia mostres l va inant. Dò “Identità” del 2015, “Ladinoentropia” del 2016 e “Liquids. Identità fluide nelle Alpi” de oril de chest an ades l’é vertech con “Mater Tirolensis”, na neva esposizion e riflescions enstoura su l’identità del Sudtirol.

L’artist enstouta l vegn fora con na riflescion emotiva su la trasformazions del popol tiroleis che l’à da semper na gran identità pojèda sul segnificat de la partegnuda storica. L’é na identità stolza e forta, durèda per se defener a livel nazionèl, ma che fosc anchecondì la vegn durèda per la formazion de na neva identità leèda più a na costion de marketing per se defener da la manaces de la globalisazion.

L vernissage l’é en sabeda chesta, ai 21 de otober da les 8 da sera al Kunstforum Unterland (Galaria de la Comunità comprenjoriala Oltradige Bassa Atesina, portici 26, Egna). La mostra resta fora enscin ai 4 de november con chisc oraries: da mèrtesc a sabeda da les 10 a les 12 e da les 16 a les 18.

De più su Mater Tirolensis su La Usc de vender ai 20 de otober.

 (vr)